Lorem Ipsn gravida nibh vel velit auctor aliquet.Aenean sollicitudin, lorem quis bibendum auci elit consequat ipsutis sem nibh id elit

FOLLOW ME

TWITTER GPLUS FACEBOOK BEHANCE PINTEREST

Che tono di voce hai?

Cos’è e a cosa serve il Tone of Voice?

Tone of voice significa “tono di voce” ed è lo stile con cui ogni azienda comunica chi è, la sua personalità e il suo prodotto.

È così importante che, se formulato e usato nel modo giusto, permette di accorciare la distanza con i tuoi clienti, raggiungerne di nuovi e catturare davvero la loro attenzione.

Il pubblico digitale ha idee ben precise a riguardo: le persone cercano una comunicazione chiara, semplice e trasparente. Vogliono ricevere informazioni corrette e utili.

Al bando dunque tutte le formule e i luoghi comuni dell’aziendalese, gli utenti chiedono un tono di voce onesto, amichevole, semplice ma mai banale e quando serve, divertente.

Come costruire un Tone of voice efficace

Un’azienda non è un’azienda e basta ma un mondo di persone e valori che devi saper raccontare in modo unico e riconoscibile in modo da distinguerti da tutti gli altri.

Non esiste, quindi, un Tone of voice che va bene per tutti, devi costruire il tuo: una banca e un’azienda che produce giocattoli, ad esempio, non parleranno la stessa lingua. Mentre la prima dovrà comunicare utilizzando spesso termini tecnici, la seconda potrà comunicare con un tono di voce emozionale e leggero.

Il primo passo da fare, quindi, è sapere chi sei e come vuoi essere percepito dai tuoi clienti.

Definire il posizionamento aziendale

Definire chi sei e come vuoi essere percepito dai tuoi clienti significa identificare i valori e le caratteristiche distintive della tua azienda.

Cosa ti differenzia da tutti gli altri? Dove sta la tua originalità? Perché un potenziale cliente dovrebbe comprare il tuo prodotto e non quello di un tuo competitor?

Stabilisci chi sei e poi passa allo studio del tuo target.

Studio del target

Il secondo passo da fare è identificare la propria clientela.

Per capire chi è il tuo pubblico devi imparare a vedere e ad ascoltare prima di costruire il tuo vocabolario e far parlare i testi con il giusto tono di voce.

Studiare il target significa proprio questo: monitorare il pubblico, le abitudini, il linguaggio, le motivazioni d’acquisto, i desideri, quali soluzioni cerca. Insomma, capire chi è.

Un’analisi affrettata e generica del mercato e dei bisogni delle persone non ti permetterà di mettere in campo e sfruttare tutti gli strumenti utili a raggiungere il tuo obiettivo.

Costruisci il tuo Tone of Voice

A questo punto sai chi sei e chi sono i tuoi clienti, hai tutte le informazioni necessarie per far parlare i tuoi testi con il giusto Tone of voice!

 

Formale o informale? Per rispondere a questa domanda dobbiamo prima tenere a mente che il giusto tono di voce sa adattarsi ai diversi canali di comunicazione. Scrivere la home page del tuo sito e scrivere per le tue pagine social non è la stessa cosa!

Usare un tono di voce formale trasmette fiducia e autorevolezza ma la comunicazione può rischiare di essere fredda e noiosa. Se usi un tono di voce informale, hai il vantaggio di risultare accogliente ma puoi rischiare di apparire poco professionale. Quindi, formale o informale? Dipende sempre dal settore in cui operi!

Formale o informale, ciò che conta è che il tuo tono di voce permetta di far arrivare il messaggio al tuo pubblico in modo chiaro e semplice perché per essere credibili e autorevoli non è necessario ricorrere a un tono di voce solenne, retorico e iper tecnico.

Costruisci il tuo vocabolario

Parole sì e parole no: ci sono parole che accorciano le distanze ed altre che costruiscono barriere. Costruisci il vocabolario del tuo tono di voce con le parole usate nel linguaggio comune e trova la soluzione più semplice per il concetto più complesso.

Un tono di voce impersonale e un vocabolario troppo ricco di paroloni renderà incomprensibili le informazioni. Quindi, fa’ sempre in modo che il tuo tono di voce e le parole che usi siano familiari perché il tuo pubblico non debba mai sentirsi a disagio o sentire che le sue richieste non trovano ascolto.